Concorso ATA 24 mesi ~ Domande su istanze online fino al 18 maggio. Guida alla compilazione, con FAQ del Ministero

Fino alle ore 23.59 del 18 maggio è possibile inoltrare l’istanza di partecipazione al concorso, per soli titoli, ATA 24 mesi. La domanda si può compilare su Istanze online. Dalle graduatorie di prima fascia si attingerà nell’anno scolastico 2022/23 per le supplenze e i ruoli.

Per poter accedere al servizio “Istanze on line (POLIS)”, i candidati devono essere in possesso di un’utenza SPID valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero dell’istruzione e l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on line (POLIS)”.

Le graduatorie saranno pubblicate dagli Uffici Scolastici e saranno valide per l’anno scolastico 2022/2023. Verranno utilizzate per gli incarichi a tempo indeterminato nel limite del contingente stabilito dal Ministero e per le supplenze al 31 agosto/30 giugno.

Profili per i quali ci si può inserire

In riferimento ai concorsi per soli titoli ATA 24 mesi i profili professionali sono quelli del personale ATA dell’area A e B, ai sensi dell’art. 554 del D.Lvo 297/94 ed in base alla O.M. 23.02.2009, n. 21.

Aree e titoli di accesso

A – Addetto alle aziende agrarie

Diploma di qualifica professionale di :

  • operatore agrituristico;
  • operatore agro industriale;
  • operatore agro ambientale.

A – Collaboratore Scolastico

  • diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale;
  • diploma di maestro d’arte;
  • diploma di scuola magistrale per l’infanzia;
  • qualsiasi diploma di maturità;
  • attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

B – Assistente Amministrativo

  • Diploma di maturità.

B – Assistente Tecnico

  • Diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale.

La specificità di cui al punto precedente è quella definita, limitatamente ai diplomi di maturità, dalla tabella di corrispondenza titoli – laboratori vigente alla data del decreto di indizione del concorso.

B – Cuoco

  • Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina.

B – Infermiere

  • Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere.

B – Guardarobiere

  • Diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.

Requisito fondamentale per l’inclusione nelle graduatorie permanenti del personale ATA è un’anzianità di servizio di almeno due anni, ovvero 23 mesi e 16 giorni, anche non continuativi (le frazioni di mese vengono tutte sommate e si computano in ragione di un mese ogni trenta giorni e l’eventuale residua frazione superiore a 15 giorni si considera come mese intero) prestato in posti corrispondenti al profilo professionale cui si richiede l’accesso e/o in posti corrispondenti a profili professionali dell’area del personale ATA statale della scuola immediatamente superiore a quella del profilo cui si concorre.

E pertanto un Assistente Amministrativo o Assistente Tecnico o Cuoco o Infermiere o Guardarobiere, oltre a includersi al profilo professionale cui concorre, può inserirsi anche come Addetto alle Aziende Agrarie o Collaboratore Scolastico, perché profili immediatamente inferiori (bisogna naturalmente essere in possesso del titolo di studio previsto per il profilo richiesto).

Altri requisiti

  1. essere in servizio in qualità di personale ATA a tempo determinato nella scuola statale nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale, cui si concorre;
  2. il personale che, eventualmente, non sia in servizio all’atto della domanda nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale, cui concorre, non perde la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale”, come sopra precisato, se inserito nella graduatoria provinciale ad esaurimento della medesima provincia e del medesimo profilo (per il profilo di CS) e negli elenchi provinciali per le supplenze (per i profili di AA – AT – CR – CO – GA – IF);
  3. il personale che non si trovi nelle condizioni di cui alla precedente lettera a) né nelle condizioni di cui alla precedente lettera b) conserva, ai fini del presente bando, la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale” se inserito nella terza fascia delle graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento delle supplenze temporanee della medesima provincia e del medesimo profilo cui si concorre (AA – AT – CR – CO – GA – IF – CS).

ATTENZIONE: le dichiarazioni concernenti i titoli di riserva, i titoli di preferenza limitatamente alle lettere M, N, O, R, e S, nonché le dichiarazioni concernenti la priorità nella scelta della sede di cui agli artt. 21 e 33, commi 5, 6 e 7 della legge 104/92 devono essere necessariamente riformulate dai candidati che presentino domanda di aggiornamento della graduatoria permanente, in quanto trattasi di situazioni soggette a scadenza che, se non riconfermate, si intendono non più possedute.

Le situazioni soggette a scadenza sono le seguenti:

Ogni titolo deve essere dichiarato nella relativa sezione:

  • le riserve nella sezione ‘Titoli di riserva’;
  • le preferenze nella sezione ‘Titoli di preferenza’;
  • le precedenze nella sezione ‘Modello H: Attribuzione priorità’.

Quali domande si possono presentare

La funzione di presentazione domande è destinata al personale ATA , già inserito, o che si vuole inserire nelle graduatorie permanenti – avendo raggiunto i requisiti richiesti – di una determinata provincia.

L’istanza permette a ciascun aspirante di presentare domanda di:

  • Inserimento di uno o più profili nelle graduatorie permanenti di una determinata provincia;
  • Aggiornamento di uno o più profili già presenti nella graduatoria di una determinata provincia;
  • Rinuncia ai contratti di lavoro a tempo determinato;
  • Dichiarazione di eventuali titoli per la priorità per la scelta della sede.

Nel caso in cui l’aspirante non sia già presente nelle graduatorie provinciali deve indicare la provincia a cui destinare l’istanza nel rispetto della normativa vigente. Al contrario, nel caso in cui l’aspirante sia già presente con uno o più profili nelle graduatorie di una determinata provincia può richiedere di aggiornare i profili esistenti o inserirne di nuovi, ma senza poter cambiare la provincia di inclusione.

Non è previsto di poter inoltrare la domanda alle provincie delle regioni Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta.

Pagine di interesse del Ministero dell’Istruzione, guida operativa per l’utente e nota MI: 

 

Print Friendly, PDF & Email